Stampa

9 - PERGUSA

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

9 - PERGUSA

Per la varietà e le potenzialità dei suoi elementi caratterizzanti (mito, archeologia, storia, clima, flora, fauna, agricoltura, ricettività e sport), l’area del Lago di Pergusa rappresenta una straordinaria risorsa per lo sviluppo di tutto il territorio ennese.

In tal senso, l’intera area, caratterizzata da tre principali ambiti (naturalistico, agricolo e urbanizzato), deve essere vista come un “microcosmo”, la cui naturale vocazione turistica deve garantire uno sviluppo sostenibile capace di favorire effettive condizioni di benessere per i residenti e per i visitatori e il mantenimento della risorsa ambientale anche per le future generazioni.

Ciò potrà attuarsi mirando a flussi più ridotti, ma costanti, di visitatori dagli interessi diversificati.

AZIONI

In ambito naturalistico:

§      Promuovere una maggiore fruizione della Riserva Naturale Speciale di Pergusa attraverso precise azioni di ulteriore naturalizzazione e tutela del territorio a basso impatto ambientale, attraverso l’attuazione di un piano di assestamento forestale, interventi di bioingegneria nei principali impluvi ed il rimboschimento delle aree limitrofe agli stessi e delle porzioni non destinabili ad uso agricolo.

§      Promuovere la realizzazione di un percorso naturalistico e paesaggistico che tenga conto della qualità visiva della Riserva, utilizzabile anche per attività sportive quali trekking ed escursioni in mountain bike, e che sia attrezzato con punti di osservazione, al fine di “aprire le porte” all’ecoturismo.

§      Promuovere la valorizzazione e la fruibilità delle principali aree di interesse archeologico presenti sulle colline intorno al bacino lacustre e ad esso direttamente connesse per ragioni non solo morfologiche e paesaggistiche, ma anche antropologiche e culturali legate al mito.

In ambito agricolo:

§      Promuovere e incoraggiare, nelle aree a vocazione agricola, le nuove attività imprenditoriali e ricettive innovative, capaci di garantire la tutela del paesaggio e delle colture tipiche, e di promuovere anche i prodotti enogastronomici del territorio.

In ambito urbanizzato:

§      Migliorare i servizi di base per i residenti (smaltimento delle acque reflue e raccolta dei rifiuti) e le condizioni di “decoro urbano” dell’area pergusina, con riferimento a quanto già proposto nel paragrafo specifico.

§      Realizzare un’area verde pubblica attrezzata nei terreni incolti posti ai lati della strada extra urbana n. 106 e sui quali si affaccia l’ampio complesso residenziale avente caratteristiche di edilizia economica popolare.

§      Rendere fruibile il camping, realizzato dal Comune nei primi anni '80 e mai entrato in funzione.

§      Attivare spazi espositivi tematici e permanenti da collocare all’interno delle strutture già presenti nell’area pergusina. Ad esempio: un museo etno-antropologico all’interno della Villa Zagara; un museo sulla storia motoristica dell’autodromo presso le strutture dello stesso.

§      Recuperare e potenziare le strutture sportive esistenti (piscine e campi di calcio, basket e tennis).

§      Promuovere, in collaborazione con le associazioni sportive presenti nel territorio, manifestazioni di vario genere, almeno di livello amatoriale e dilettantistico, fra le quali quelle podistiche e ciclistiche, da svolgersi sia all’interno che all’esterno dell’autodromo.

§      Attivare laboratori didattici all’aperto connessi all’attività del centro di educazione ambientale della Riserva e laboratori di educazione stradale da svolgersi nell’autodromo.

§      Installare, nel periodo estivo, pedane provvisorie in legno per la realizzazione di solarium in varie zone dell’autodromo.

§      Utilizzare i locali, gli spazi e le strutture di pertinenza dell’autodromo per manifestazioni di vario genere come: eventi fieristici, mercati e mostre scambio, manifestazioni sportive e culturali all’aperto quali rassegne cinematografiche, teatrali e musicali.

§      Riprendere le attività motoristiche dell’autodromo - mantenendone le attuali caratteristiche e potenzialità - attraverso iniziative che permettano di conservarne l’identità storica e, al contempo, di tutelare l'unico tratto collinare rimasto pressoché integro nei suoi caratteri di naturalità. Ad esempio, fra le possibili attività motoristiche si potrebbe:

-       Promuovere raduni e gare di regolarità di auto e moto storiche, in collaborazione con le associazioni e club amatoriali.

-       Promuovere, in collaborazione con le case automobilistiche, le associazioni del settore e le forze dell’ordine, la cultura della "sicurezza stradale", attivando corsi di guida sicura, oltre che di guida sportiva.

-       Incentivare il noleggio della pista - rivedendo il listino delle offerte - per i test drive promozionali delle aziende del settore motoristico e per le prove libere di auto e moto di privati appassionati.

Ovviamente, malgrado, nei casi più straordinari, le attività interne all’autodromo, a maggior impatto ambientale, dovranno rapportarsi alle esigenze ambientali della riserva, ed in particolare ai ritmi e alle esigenze dell’avifauna presente, tutte queste azioni, se ben coordinate e programmate, favoriranno una migliore fruibilità e una maggiore vitalità commerciale dell’area.

 

 

 

Visit the new site http://lbetting.co.uk/ for a ladbrokes review.

Prossimo Incontro:

Dove Trovarci:

Seguici su facebook